Quantcast

Resiste da 30 anni l’albero di Avo, premiati i volontari ospedalieri

Più informazioni su

L’albero che resiste rifiorisce. Cresce e si irrobustisce da oltre 30 anni l’albero simbolo dell’Associazione volontari ospedalieri Avo di Piacenza che ha festeggiato l’anniversario (con 12 mesi di ritardo a causa del Covid) con un pomeriggio speciale al Best Western Park Hotel.

30 anni di Avo

Alla cerimonia hanno partecipato il vescovo Adriano Cevolotto, Marisa Monticelli, Presidente Regionale Avo, il Professor Luigi Cavanna dell’Oncologia Piacenza, Massimo Silumbra, Presidente Nazionale di Avo, Anna Boccellari, Presidente Avo Piacenza, e per l’amministrazione comunale, l’assessore Federica Sgorbati. Sono stati premiati i volontari sulla base degli anni servizio, ecco i loro nomi.

30 anni di Avo

PREMIATI 2020 /20021 (volontari con 10, 20, 25 e 30 anni di servizio)

BELLI M.GIULIA II 30 anni
COGNI MARISA I 30 anni

GALLI PIERA VI 25 anni
MENICI PIER CARLO VI 25 anni

BAFFI LAURA XII 20 anni
BOCCIARELLI ROBERTO XI 20 anni
BONVINI RODOLFO XII 20 anni
FOGLIAZZA UGO XI 20 anni

AGNELLI MARIA TERESA XXII 10 anni
CHIODAROLI DAMIANA XXI 10 anni
MARCHESI STEFANO XXI 10 anni
MILANESI GIUSEPPE XXI 10 anni
MOLINARI ALESSANDRA XXI 10 anni
PASSALACQUA NICOLETTA XXII 10 anni
STOJISAVLJEVIC RAJKA XXI 10 anni
STRINGHINI GIANPAOLO XXII 10 anni
ZUCCA ANGELA XXI 10 anni

ALBERTI MARIA CRISTINA I C 10 anni
BEZZI ANTONELLA IIC 10 anni
BRUNO FRANCESCA IIC 10 anni
SDRAIATI DARIO I C 10 anni
VARQUEZ MARIA I C 10 anni

CIVARDI ROSELLA 1 B 10 anni
MOZZI GABRIELA 1 B 10 anni
RAGGI PAOLA 1 B 10 anni
REPETTI LILIANA 1 B 10 anni
TOMMASINI ANGELINA 1 B 10 anni

30 anni di Avo

CONSEGNA FARMACI 2021 (hanno effettuato consegna farmaci in emergenza Covid)

Balordi Mauro
Zucca Angela
Pazzini Debora
Marchesi Stefano
Genovesi Anna
Nicolini Chiara
Bezzi Antonella
Antonini Emma
Losi Giovanna
Balboni Silvia
Raika St.

100 ORE (nuovi volontari che hanno effettuato almeno 100 ore di servizio)

Hosni Amal
Maini Giusepppina
Maestri Maria Rosaria
Rustioni Francesca
Susani Chiara

30 anni di Avo

NUOVI SOCI 2021

Antonini Emma
Balboni Silvia
Balordi Mauro
Bove Federica
Cai Tiziano
Cauzzi, Elena
Franchi Monica
Genovese Anna
Nicolini Chiara
Pagliarello Marica
Pastore Raffaele
Pazzini Debora
Simeone Maria Rosaria

In occasione del trentennale è stato realizzato un libretto che ripercorre i tre decenni di storia con i ricordi e le immagini, curato da Dario Sdraiati e stampato dalla cooperativa sociale Officine Gutenberg. Ecco un estratto: Da quel lontano 15 maggio 1990, data di costituzione dell’Associazione presso il notaio Pietro Fermi in Piacenza è passato giusto un trentennio: e l’opuscolo – viene ricordato sulle pagine – così come il momento commemorativo, arrivano con un anno di ritardo, causa la pandemia da covid-19. E’ davvero intenso e ricco di avvenimenti il cammino fatto da Avo Piacenza in questo spazio temporale. Un ruolo fondamentale è stato svolto dal diacono Nello Ziliani, da considerarsi il vero fondatore di Avo Piacenza coadiuvato da altri, che possiamo definire co-fondatori. Nel volumetto si accenna come l’avvio di questa speciale esperienza di vicinanza ai malati in ospedale, fosse, in un certo senso, la “consegna” che il sinodo della chiesa piacentina (1987-1991) aveva affidato al gruppo dei diaconi piacentini, di fresca istituzione.

Avo Piacenza

Già nel 1995 si riscontra traccia ufficiale (ma forse avveniva anche prima) dei primi banchetti promozionali in luoghi simbolo della città e le prime presenze, sempre a scopo divulgativo, presso alcune parrocchie. Sempre nel medesimo anno, viene messa in cantiere la pubblicazione di un giornalino dell’Associazione, un bimestrale che si chiamerà “Nostro Giornale” e che continuerà per qualche tempo. Nel 1996 si ritrova traccia delle prime richieste all’Azienda Sanitaria di avere la disponibilità dei camici. Nei primi anni, i camici venivano acquistati a spese dell’Associazione. Il ’96 è inoltre l’anno di acquisto del primo stendardo per la partecipazione alle cerimonie ufficiali ed è anche l’anno di ingresso in neurologia, mentre la geriatria, sempre nello stesso anno, viene trasferita alla ex clinica Belvedere. Nell’anno successivo, la sede dell’Avo viene trasferita da quella originale in via Valverde, di fronte all’ingresso del vecchio ospedale, in via Taverna, precisamente all’interno dell’ospedale (dentro ai chiostri dell’antico monastero ove si trova tutt’ora). Il 1997 è anche l’anno di ingresso dei volontari nel reparto di gastro-enterologia e di medicina d’urgenza.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.