Quantcast

Le Rubriche di PiacenzaSera - Rotary

Rotary Foundation, incontro con Maurizio Mantovani per il Rotary Fiorenzuola foto

Gruppo Piacentino

(distretto 2050)

IL BLOG

Nella sempre bella cornice della “Finestra sul Po” del socio Giovanni Zangrandi, a Monticelli d’Ongina, si è tenuta una significativa e partecipata conviviale del Rotary Club Fiorenzuola d’Arda, interamente dedicata alle tematiche della Rotary Foundation, magistralmente condotta dalla Presidente Tiziana Meneghelli. Ospite e relatore della serata Maurizio Mantovani, già Governatore del Distretto Rotariano 2050 (anno 2019-2020), ed oggi impegnato in prima persona nelle attività della Fondazione Rotary. Mantovani, nato a Parma, risiede attualmente a Cremona. Laureato in Ingegneria Aeronautica, ha lavorato in diversi e significativi contesti ed oggi opera come libero professionista e consulente industriale. E’ stato socio fondatore del RC E-Club 2050, di cui è stato Presidente nell’ anno rotariano 2014/2015. Ha servito il Club ricoprendo varie cariche, partecipando a vari Congressi Internazionali e diventando nel tempo benefattore e grande donatore nell’ambito della Rotary Foundation.

Dopo l’introduzione e i saluti della Presidente Meneghelli, Mantovani ha ripercorso passaggi storici posti alla base dell’operatività della Fondazione Rotary. Durante il Congresso del 1917, il Presidente uscente del Rotary, Arch Klumph, propose di istituire un fondo di dotazione “allo scopo di fare del bene nel mondo”. Da quell’idea, e dal contributo iniziale di una dotazione di dollari, è stata resa disponibile una forza di grande impatto che ha modificato la storia di milioni di vite in tutto il mondo. La Fondazione Rotary è attualmente strutturata come organizzazione di beneficenza pubblica, opera per scopi benefici ed è governata da un Consiglio di Amministratori. Le operazioni del Rotary International, organizzazione composta da soci volontari, sono supervisionate dal Consiglio centrale del Rotary International. La sede centrale della Fondazione Rotary è oggi sita in Illinois, negli U.S.A. Le generose donazioni dei soci alla Fondazione Rotary sono essenziali per garantire e sviluppare i programmi del Rotary in tutto il mondo, tanto da far considerare l’istituzione come uno dei più efficienti organismi privati di sostegno a paesi in via di sviluppo a popolazioni in difficoltà.

La Fondazione è una delle organizzazioni mondiali di beneficenza ad essere insignite delle “quattro stelle”, garanzia professionalità ed impegno nella gestione dei fondi affidati ed è a Charity Navigator che si rivolgono filantropi e grandi gruppi industriali, nel momento di decidere a quale organizzazione destinare risorse da devolvere in beneficenza. L’ efficienza della Fondazione Rotary è nota: l’incidenza dei costi di gestione è individuata nel 6% sui contribuiti versati, con quota decisamente minore rispetto ad altre organizzazioni che operano nel campo degli aiuti umanitari. Sono state stanziate cifre di grande rilevo indirizzate al sostegno a diversi programmi (non è possibile non citare l’iniziativa Polio Plus, tesa alla lotta alla Polio nel mondo). Il Rotary International ha annunciato inoltre una collaborazione con la Fondazione Melinda & Bill Gates, che porterà ulteriori fondi nella campagna mondiale per sradicare la poliomelite. Degni di nota i richiami alle iniziative relative alle azioni relative al contrasto della pandemia legata al Covid, vera emergenza mondiale. Numerose la altre iniziative: programmi educativi, sanitari ed umanitari, in diverse aree del mondo. La funzione della Fondazione può essere assimilata a quella di una “banca” del Rotary, ove confluiscono i contributi provenienti dai Clubs presenti nei mondo. Dalla Fondazione derivano quindi le sovvenzioni mirate a supportare i vari progetti, sempre improntati agli ideali rotariani. Nulla è dovuto per norma statutaria alla Fondazione. Questa si regge sui contributi volontari di rotariani e di non rotariani, anche enti ed istituzioni, che ben sanno che il Rotary presidia lo sviluppo dei progetti e ne verifica i risultati.

Le spiegazioni di Mantovani sono state chiare ed esaustive per tutti i soci, ed hanno trovato una degna conclusione nella consegna del riconoscimento rotariano, per le elargizioni alla Fondazione operate nell’anno della sua presidenza, a Fausto Arzani, che ha a sua volta preso la parola per ringraziare Mantovani e i soci del sodalizio per il loro costante impegno. E’ stato quindi Piergiorgio Turchio, Presidente della Commissione Fondazione Rotary del Club, a relazionare ed illustrare gli impegni del sodalizio, introdotto dalla Presidente Meneghelli, che ha sottolineato il suo plauso e ringraziamento per il generoso impegno messo in campo dal socio. Turchio, dirigente medico radiologo in ASL Piacenza e in tale ruolo responsabile servizio di Risonanza Magnetica, ha con grandi capacità e disponibilità seguito le attività legate alla Commissione affidatagli. I risultati non sono mancati, come testimoniato dagli interventi di Mantovani, Meneghelli ed Arzani. In chiusura di serata la Presidente ha rammentato ai soci i futuri impegni del sodalizio, legati a service ed anche a festeggiamenti per le imminenti festività.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.