Quantcast

“A Piacenza oltre 60mila esami rinviati causa covid, serve piano straordinario”

Più informazioni su

“A Piacenza ci sono oltre 60.000 visite ed esami rinviati causa Coronavirus, la Regione si sbrighi a risolvere i problemi, con un piano straordinario per rimettere in sesto la nostra sanità”. Lo sostiene Giancarlo Tagliaferri, consigliere regionale piacentino di Fratelli d’Italia.

“La quarta ondata è nel pieno e si contano tanti morti come non avveniva da aprile, ma il presidente Bonaccini pensa di essere la Sibilla Cumana e parla di “picco dei contagi vicino” come a dire che tutto è passato – scrive Tagliaferri in una nota -. Oltre a essere un messaggio autolesionistico perché dando l’impressione che tutto è a posto non si aiuta la diffusione di comportamenti corretti antiCoronavirus, sarebbe meglio che il Presidente mettesse il suo entusiasmo per risolvere i problemi veri degli emiliano-romagnoli che delle statistiche “sono il primo della classe” non gliene importa nulla”.

“Solo a Piacenza ci sono 61.461 prestazioni sanitarie, cioè visite ed esami, arretrati a causa del Coronavirus: vuol dire che ci sono persone che soffrono e che non possono curarsi perché la sanità è in tilt. Dopo due anni siamo fermi al 2020: Regione e Governo non hanno saputo mettersi in condizione di affrontare la situazione. Serve un piano straordinario per rimettere in sesto la nostra sanità: il testo sta scadendo, bisogna correre”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.