Quantcast

Cadeo, al via il corso di alfabetizzazione per 38 donne straniere

Più informazioni su

Al via l’edizione 2022 dei corsi di alfabetizzazione realizzati presso l’istituto Comprensivo di Cadeo e Pontenure. Due corsi – italiano base e italiano A2 – a favore delle donne e della loro integrazione nel territorio.

“Questo corso di alfabetizzazione è uno spazio concreto attraverso cui offriamo un’occasione importante di integrazione a tutti gli stranieri che si trovano nel nostro Comune – ha sottolineato Marica Toma, prima cittadina di Cadeo -. La conoscenza della lingua italiana è uno strumento indispensabile per poter interagire, per essere cittadini consapevoli e responsabili, ancora di più in questa edizione, che ancora una volta vede la partecipazione di sole donne che per poter seguire i propri figli riguardo scuola, sport e salute ma anche per trovarsi un lavoro, avere una propria autonomia, hanno bisogno di saper parlare l’italiano”. “Sono 38 le iscritte, provenienti da Marocco, Burkina Faso e Albania – aggiunge l’assessore Davide Pappalardo-. Vi sono due classi, guidate dalle docenti Diletta Monici e Anastasiya Panchenko che fino al mese di giugno terranno due lezioni settimanali, il lunedì e il mercoledì dalle ore 14.30 alle ore 17.30. Il corso prevede anche un servizio di babysitting per permettere la piena partecipazione anche alle donne con figli”.

Grande è l’entusiasmo delle iscritte, quasi tutte madri e con figli piccoli: c’è chi frequenta il corso per la seconda volta, chi è in Italia da 18 anni e nonostante le difficoltà vuole imparare meglio la lingua, chi si fa aiutare dalla figlia diciottenne nello studio e chi apprezza questi appuntamenti come preziosa occasione per trascorrere del tempo confrontandosi con altre persone. “C’è grande impegno da parte delle corsiste – spiega la docente Anastasiya Panchenko -. In queste prime lezioni stiamo affrontando il lessico base che riguarda la quotidianità. Mi sto concentrando sull’oralità anche se non mancano i primi dettati di parole, perché imparino anche la lingua scritta”.

“Ringrazio la Scuola – conclude la Sindaca – che è sempre molto sensibile e attiva sul territorio, spero a breve di poter far ripartire anche i corsi di inglese ed informatica.”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.