Quantcast

Ucciso in casa in via Degani, condanna a 24 anni

E’ stato condannato a 24 anni di reclusione Alì Fatnassi, 34enne tunisino accusato dell’omicidio di Giorgio Gambarelli, fisioterapista in pensione di 67 anni trovato senza vita nella sua abitazione di via Degani a Piacenza nella serata del 27 luglio del 2013 con un profondo taglio alla gola.

Il processo, celebrato davanti alla Corte d’Assise presieduta da Gianandrea Bussi, si è svolto in contumacia: l’imputato, che avrebbe lasciato l’Italia nelle ore successive al delitto, non è infatti mai stato rintracciato. A mettere gli inquirenti sulle tracce dell’uomo, oltre all’esame dei tabulati telefonici, anche una traccia di sangue trovata su un comò, il cui profilo fu comparato con quello di un parente portando all’identificazione del tunisino. La corte ha escluso la premeditazione, pronunciando la sentenza di condanna a 24 anni; il pubblico ministero Ornella Chicca aveva chiesto per l’imputato l’ergastolo, il legale difensore Emilio Dadomo l’assoluzione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.