Quantcast

Una Messa in ricordo dell’Ispettore Pierluigi Polledri “La ferita resta aperta”

I poliziotti piacentini hanno commemorato oggi, lunedì 24 gennaio, presso la Suola Allievi Agenti della Polizia di Stato la memoria dell’Ispettore Capo Pierluigi Polledri. Lo hanno fatto con una Messa in suffragio, officiata dal Cappellano della Polizia di Stato Padre Bernard Jhal, che ha voluto ricordare innanzitutto l’uomo Pierluigi e che, con una toccante omelia, ha sottolineato a tutti i presenti l’importanza di essere propositivi verso chi troviamo sulla nostra strada: “Regala un sorriso a chi incontri – le sue parole -, costa poco, perchè non puoi sapere che battaglia sta combattendo la persona che hai di fronte”.

Alla cerimonia, organizzata dal Sindacato Autonomo di Polizia di Piacenza, erano presenti oltre ai colleghi, il neo Direttore della Scuola Allievi Agenti, Dott.ssa Adele Belluso, la figlia Jessica Polledri e la splendida nipotina Viola che ha voluto conservare una rosa della composizione di fiori dedicata a nonno Gigi. “Gigi ci manca – ha sottolineato Ciro Passavanti nelle vesti di rappresentante SAP, ma soprattutto di amico del compianto Polledri – sono passati 17 anni, ma la ferita resta aperta, sempre; ringraziamo tutti quelli che, anno dopo anno, sono qui con noi a voler dedicare un momento alla memoria del nostro collega”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.