Quantcast

“Fermare il DDL Concorrenza, difendere acqua, beni comuni, diritti e democrazia”

Intervento a firma delle liste, a sostegno di Stefano Cugini Sindaco, Alternativa per Piacenza – Europa Verde – Movimento 5 stelle – @sinistra

Il Disegno di Legge” concorrenza”, vuole generalizzare la privatizzazione dei servizi pubblici locali. Si rischia lo smantellamento della funzione pubblica e sociale degli Enti Locali. Si vorrebbe rendere residuale la gestione pubblica di tutti i servizi essenziali: i Comuni che opteranno per la gestione pubblica dovranno giustificare il mancato ricorso al mercato attraverso procedure complesse. Non sarà così invece nel caso della privatizzazione. Si vuole imporre una visione dove le esternalizzazioni a favore degli operatori  di mercato sono considerate per principio efficienti ed efficaci, mentre le scelte di soluzioni gestionali  interne richiederanno tutte le volte  obbligatoriamente la capacità degli enti locali di dimostrarne e motivarne la bontà.

Il ddl nega definitivamente l’espressione della volontà popolare. Nel 2011 infatti la maggioranza assoluta degli italiani aveva votato Sì al referendum contro la privatizzazione dell’acqua e dei beni comuni. I Comuni, sarebbero  trasformati in enti che dovranno predisporre la privatizzazione di tutti i servizi pubblici locali. Abbiamo già sperimentato  le privatizzazioni dei beni comuni e dei servizi pubblici: nessuna cura delle risorse naturali, peggioramento quantitativo e qualitativo dei servizi, aumento esponenziale delle tariffe, fine di ogni controllo democratico sulla loro gestione. Ne abbiamo una lampante dimostrazione nelle pesantissime bollette di gas, luce e acqua ricevute  questo inverno e inizio primavera.

Le privatizzazioni peggiorano i diritti del lavoro, riducendo l’occupazione e i salari, aumentando lo sfruttamento e la precarietà. Veniamo da un periodo di emergenza sanitaria ed ora siamo anche in una nuova guerra nel mezzo dell’Europa. Questo richiede uno stop a un modello sociale basato sui profitti, per costruire un’altra società fondata sul prendersi cura, sulla riappropriazione sociale dell’acqua e dei beni comuni, sulla gestione partecipativa di tutti i servizi pubblici.

Per questo, aderiamo alla giornata nazionale di lotta del 14 maggio  contro il DDL Concorrenza e chiediamo  a tutte le comunità territoriali e agli Enti Locali di mobilitarsi anche per chiedere  lo stop ai provvedimenti su sanità, servizi sociali, trasporti, rifiuti, energia e l’apertura di un ampio dibattito pubblico sulla gestione dell’acqua, dei beni comuni e dei servizi pubblici.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.