Le Rubriche di PiacenzaSera - Camminate piacentine

Officine Gutenberg al Salone di Torino col nuovo libro di Martina Picca

Caldo tropicale e folla d’altri tempi per il venerdì del Salone del Libro di Torino, giornata segnata dal successo degli incontri con Zerocalcare, Paolo Cognetti, Valeria Parrella e tanti altri. Presente tra gli stand anche la Cooperativa editrice Officine Gutenberg che ha presentato il nuovo libro di Martina Picca, scrittrice piacentina.

Allo stand di Officine Gutenberg, all’interno di Alleanza cooperativa italiana, è stato presentato ‘Nome di battaglia NItzi. Un partigiano tra Emilia e Piemonte’. L’autrice è stata intervistata da Lorenzo Rai. Domenica alle 18 è il turno di Domenico Valente con il suo giallo ‘L’uomo col cane’, fresco di stampa. Complice la vicinanza con lo spazio del Corriere della Sera e Cairo editore, alcuni big sono passati per un saluto: tra loro il cantautore Vasco Brondi.

Salorne Torino Officine Gutenberg

Il partigiano Nitzi al Salone del libro: Martina Picca ci racconta una storia a cavallo tra Piemonte ed Emilia – Nuovo libro di Martina Picca: il diario negli anni di guerra di Carlo Taverna che ci parla di ribellione e resistenza al fascismo presentato oggi al Salone del libro di Torino. Il quarto libro di Martina Picca ci racconta una nuova storia, quella di Carlo Taverna, partigiano piemontese che per motivi “di cuore” è diventato piacentino d’adozione. In questo libro però il protagonista non viene citato con nome e cognome, ma bensì con il suo nome di battaglia: Nitzi.

Martina Picca e una storia lontana nel tempo, ma sempre viva quella del partigiano Nitzi. Stavolta la nostra autrice ci porta indietro di oltre 70 anni e lo fa con gli scritti che il partigiano Nitzi che narrano dal primo atto di ribellione. contro il regime a quello che poi succederà dopo l’8 settembre. Per approfondire e conoscere meglio questo “Nome di battaglia Nitzi”. Abbiamo chiesto direttamente all’autrice, Martina Picca.

Cosa troviamo dentro questo tuo ultimo libro e soprattutto, cosa troviamo dietro questo nome di battaglia: Nitzi?
In questo libro troviamo una testimonianza di quello che è stata la resistenza di un ragazzo di poco più di vent’anni. Nitzi è stato il suo nome di battaglia, che ha preso da un libro che stava leggendo in quei giorni.

Quello di Carlo Taverna è un diario e perciò una serie di scritti. Quanto lavoro c’è stato per mettere tutto insieme?
È stato un lavoro corposo a cui ha contribuito il figlio di Carlo, Bruno, trascrivendo i ricordi del papà.

Già il sottotitolo ci anticipa che la storia è diventata “piacentina” in un secondo momento. Senza spoilerare, da dove parte esattamente e in che modo arriva nella nostra provincia?
La storia di Carlo parte da un paesino di Alessandria, Viguzzolo, e si ferma sugli Appennini piacentini per amore.

Dalle parole di quello che diventerà Nitzi, si riesce ad avere una idea di quanto fosse difficile dissentire dalla normalità che il regime fascista aveva instaurato nella quotidianità delle persone dell’epoca?
C’è una parte, in particolare, in cui Carlo ricorda quanto la propaganda avesse plasmato le menti delle persone, in particolare dei bambini. Si trovava in una cascina con due ormai anziani comunisti, che sono stati per lui, cito, importanti maestri di vita. Eppure all’inizio credeva fossero persone terribili, proprio a causa dell’immagine che la propaganda fascista propinava.

Questo libro è un viaggio in anni difficili, di combattimenti, di grandi scosse e cambiamenti. Che idea ti sei fatta del protagonista?
Come gli ha scritto anche la senatrice a vita Liliana Segre, Carlo è stato un giovane che ha compiuto una scelta che fu di pochi, cioè quella di rifiutare l’indifferenza rischiando tutto, compresa la vita, per un ideale più alto, grazie al quale siamo qui oggi.

La chiusura è su di te. Per prima cosa hai cominciato a pubblicare parlando della tua storia, poi con i 3 libri seguenti, hai cominciato a parlare degli altri e di quello che avevano da raccontare. A questo punto credi che la dimensione da scrittrice che prende le storie, le cuce, le ricama e crea un prodotto per la stampa è quello che più ti si addice?
Credo che sia quello che mi si addice di più perché è quello dove mi sento più Martina. È quello che mi piace fare, perché credo sia importante tendere la mano.

Salorne Torino Officine Gutenberg

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.