Le Rubriche di PiacenzaSera - Ecipar

Ecipar continua a crescere nel 2021″Nuovi corsi per rispondere alle esigenze del mondo del lavoro”

“Il 2021 è stato, per Ecipar, un anno positivo. Ora l’obiettivo è di continuare a crescere, aiutando le aziende a ripartire nonostante il perdurare delle situazioni di difficoltà”. Così il presidente di Ecipar Piacenza, Marco Salvatori, commenta i risultati del consuntivo 2021 dell’ente di formazione di Cna. Alla fine di maggio si è tenuta l’assemblea di bilancio, alla presenza dei soci rappresentati da Giovanni Rivaroli ed Enrica Gambazza, presidente e direttore di Cna Piacenza, oltre al presidente Ecipar Salvatori, i consiglieri Massimiliano Barilli e Nicola Madelli e il direttore dell’ente di formazione Natalia Tacchini, oltre a Gualtiero Ghirardi e Amos Palumbo, rispettivamente presidente e direttore di Ecipar Emilia Romagna.

“Il bilancio 2021 si è chiuso in positivo, con il valore dell’attività che ha ripreso l’andamento pre pandemico, nonostante l’anno sia stato segnato da tante restrizioni” sottolinea il direttore Natalia Tacchini. Dal 1996 Ecipar eroga attività di formazione per gli associati CNA, per i disoccupati, per i giovani in obbligo scolastico tra i 16 e i 18 anni e non solo. “Il team piacentino – composto da 11 persone – durante il 2021 ha erogato 3889 ore di formazione rivolte a 1085 persone, attraverso corsi in presenza (il 47%) e on line (il 53%)” ricorda sempre Tacchini.

“Siamo riusciti ad erogare un servizio di qualità, nonostante le incertezze dettate dal post pandemia e le chiusure di inizio anno – commenta con soddisfazione il presidente Salvatori -, aumentando anche il numero dei corsi a mercato, questo da un lato dimostra la nostra capacità di intercettare le nuove esigenze del mondo del lavoro e, dall’altro, ci consente di essere indipendenti dai contributi stanziati a livello regionale. Per il prossimo anno l’obiettivo è di continuare a crescere, forti anche della maggiore visibilità di Ecipar, che ci ha permesso di raggiungere nuove aziende e privati”. “Ecipar ha sempre rappresentato il punto di collegamento tra Cna e le nostre aziende – afferma il presidente Giovanni Rivaroli -, grazie ai servizi che vengono offerti che spaziano da corsi sulla sicurezza, a quelli rivolti al mondo dell’autotrasporto al settore automotive, senza tralasciare ambiti innovativi come il marketing, la comunicazione e i beni culturali. Questo significa saper fare formazione a 360 gradi, e dimostra la capacità di Ecipar di essere attento al mercato che è in continuo cambiamento, offrendo percorsi formativi che fungono da stimolo per chi occupa di artigianato”.

“Altro aspetto importante sono i corsi IeFP promossi da Ecipar: percorsi formativi rivolti ai ragazzi dai 16 ai 18 anni che debbano concludere l’obbligo scolastico – continua Rivaroli -, il che significa che accompagnarli lungo tutto il loro percorso, che prevede attività in aula, con lezioni dedicate a materie professionalizzanti e non solo, e in laboratorio per poi concludersi con stage nelle nostre aziende”. Altro aspetto che viene sottolineato dal presidente Rivaroli è l’efficienza dell’ente di formazione piacentino. “Quello di Piacenza è l’unico Ecipar in Regione ad avere gli accreditamenti nei vari ambiti previsti, ed ha, sempre a livello regionale, la quota più alta di percorsi finanziati dalla Regione Emilia Romagna, segno questo della competenza degli operatori – conclude Rivaroli – nel saper seguire tutti gli aspetti dell’attività, dalla progettazione dei corsi alla loro rendicontazione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.