Giornata Admo il 24 settembre, 7.200 i piacentini iscritti al registro donatori midollo osseo

Sono 7.200 i piacentini iscritti al Registro Italiano Donatori di Midollo Osseo: dopo 30 anni di attività, a Piacenza sono state effettuate in tutto 55 donazioni. “Non è poco – commenta Vittorio Fusco, referente provinciale Admo – infatti, la compatibilità al di fuori del nucleo familiare è di 1 su 100mila. A noi interessa avere persone informate, motivate, responsabili e consce di quello che possono fare col loro gesto”.

121 nuove iscrizioni nel 2021, 109 fino a questo momento nel 2022. Venti donatori sono stati richiamati per ulteriori approfondimenti 2021 e dieci nel 2022. Nel 2021 sono state effettuate a Piacenza cinque donazioni di cellule staminali da donatori iscritti nel Registro, quest’anno nessuna, ma – come spiega Maria Mariano, direttrice di Ematologia e centro trapianti midollo osseo – è stata fatta una donazione di cellule mononucleate di linfociti per infusione e si spera di poter recuperare entro fine anno i dati del 2021. “La donazione di midollo osseo può salvare una vita – afferma Andrea Magnacavallo, direttore sanitario Ausl di Piacenza – Il 24 settembre abbiamo un’ulteriore occasione, come azienda, per confermare la sinergia con il mondo del volontariato, sia a livello regionale sia aziendale”.

#NonCeDueSenzaTe: questo il nome dell’iniziativa che avrà luogo sabato 24 settembre dalle 9 alle 19 in Largo Battisti a Piacenza. “Admo sede di Piacenza vi aspetta per dare una speranza di vita attraverso un piccolo e semplice gesto. Quando si parla di donazione di midollo osseo e cellule staminali emopoietiche, la compatibilità è talmente rara che il tuo contributo è essenziale”. Torna la campagna di sensibilizzazione alla donazione di midollo osseo e cellule staminali emopoietiche “Match it now” promossa da Admo, che a Piacenza si svolge con la collaborazione dell’Azienda Usl. I rappresentanti dell’associazione e i professionisti sanitari saranno in Largo Battisti, in quella giornata, dalle 9 alle 19 per fornire informazioni e raccogliere le iscrizioni al Registro Italiano Donatori di Midollo Osseo (IBMDR). Tre requisiti per effettuare il primo test di idoneità: avere un’età compresa fra 18 e 35 anni, essere in buona salute, pesare almeno 50kg. Sabato 24 settembre, per l’occasione, saranno presenti Andrea Magnacavallo, Maria Mariano, Vittorio Fusco, Daniele Vallisa, direttore di Ematologia e centro trapianti midollo osseo e Alice Scarpa, biologo in rappresentanza equipe Biologia dei trapianti.

Il trapianto di midollo osseo rende possibile la guarigione di gravi malattie come leucemia, linfomi, mieloma, talassemia, immunodeficienze, disordini congeniti e, più recentemente anche di alcune tipologie di tumori solidi. La compatibilità tra paziente e donatore si verifica una volta su quattro nell’ambito familiare (fratelli e sorelle), ma diventa molto rara, circa 1 su 100mila, tra individui non consanguinei. Non bisogna confondere il midollo osseo con il midollo spinale. Il midollo osseo è un tessuto costituito da cellule staminali emopoietiche (CSE), capaci di riprodurre le cellule del sanque: globuli rossi, globuli bianchi e piastrine. Questo tessuto, che situato all’interno delle ossa CSF piatte, grazie alle CSE si rinnova continuamente. Tutte le persone di età compresa tra i 18 e i 35 anni compiuti, con un peso corporeo superiore ai 50 chilogrammi, possono donare il midollo osseo, purché non siano affette da malattie al principali organi O da forme infettive (come virus HIV HBSAq, HCV eccetera). La disponibilità del donatore resta valida sino al raggiungimento dei 55 anni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.