Chiudi X
PiacenzaSera - Notizie, Cronaca, Sport, Politica di Piacenza
14 novembre 2017
Il marketing "casereccio" di Giovanni Rana al Career Day in Cattolica
14 novembre 2017
L'incontro con Giovanni Rana
L'incontro con Giovanni Rana
L'incontro con Giovanni Rana
L'incontro con Giovanni Rana
Career Day
Career Day
Career Day
Career Day
Career Day
“Ascoltare sempre, porsi delle domande e farsi aiutare, anche dalla segretaria”. È questo uno dei segreti del successo di Giovanni Rana, che si è raccontato, con la coordinazione del professor Daniele Fornari, martedì 14 novembre, davanti a un’aula gremita di persone all’Università Cattolica di Piacenza nell'ambito del Career Day.
 
Nato in una famiglia di fornai, Giovanni Rana entra nel mondo imprenditoriale negli anni cinquanta, a soli 24 anni.

Un pizzico di “marketing casereccio”, come lo definisce lui, tanta forza di volontà e tanta passione: è stato così che ha cominciato il celebre imprenditore veneto.  

“Dormivo poco e lavoravo tanto, cercavo nuove macchine da poter usare per la mia produzione, che conservassero la qualità e la genuinità del prodotto che, finché vivo, rimangono caratteristiche indispensabili per i miei prodotti”.
 
Un’azienda quella di Giovanni Rana che, negli anni Ottanta, comincia ad essere oggetto di contesa delle grandi industrie: Nestlè, Kraft e Barilla sono solo alcune di quelle che si sono presentate davanti alla porta di Giovanni Rana, per acquistare la sua azienda.

“Uno dei più grandi industriali mai esistiti, Pietro Barilla, intendeva acquistare una quota pari al 30%. Ma io gli ho risposto di no. Mio figlio Gianluca stava finendo di studiare per venire a lavorare da me, aveva una grande passione ed era molto bravo”.

Ed è proprio di Gianluca la proposta di aprire filiali dell’azienda anche all’estero e di pubblicizzare i tortellini anche in America, dove “non si mangiano solo hamburger e patatine. La richiesta di prodotti è incrementata del 53% nel giro di un anno”. Dunque come afferma Giovanni Rana: “Se io ho costruito in Italia, mio figlio ha costruito nel resto del mondo. Diamo fiducia ai giovani!” dice Rana.
 
Si è rivelata vincente quindi la scelta di non cedere alle lusinghe di nomi importanti, trent’anni fa. E non solo per lo straordinario successo che l’azienda Rana continua a riscuotere dopo più i sessanta anni di attività, ma perché fu proprio allora che a Giovanni Rana venne quell’idea, nuova per i tempi, per cui tutti noi lo vediamo in televisione ancora oggi.

“Quando diedi una risposta negativa a tutte queste industrie importanti, sapevo che avrebbero cominciato a remarmi contro – afferma Rana – e infatti cominciarono tutte a investire sulla pubblicità. Allora decisi di mettermi pure io a fare pubblicità.

Ma volevo che la mia pubblicità fosse diversa, volevo essere io a metterci la faccia e a garantire al consumatore la genuinità dei miei prodotti”.  “Se dopo tutti questi anni, l’idea funziona ancora, vuol dire che le idee battono i capitali, segnatevelo ragazzi”.
 
La conferenza di Giovanni Rana si è svolta nell’ambito del Career Day, giornata di colloqui presentazioni e attività, durante la quale studenti e neolaureati, alla ricerca di un impiego, possono incontrare recruiter e manager aziendali a cui presentare la propria candidatura.

110 le realtà presenti, 70 stand, di cui 45 aziende e 8 associazioni; 15 seminari; 25 attività di orientamento: questi i numeri del Career Day in Cattolica.

Anche il Consiglio Notarile di Piacenza ha incontrato i giovani laureati interessati alle professioni giuridiche, nell'ambito del Career Day, a cui hanno partecipato anche gli avvocati e i magistrati. A illustrare i dettagli dell'accesso alla professione notarile, e a rispondere alle domande dei ragazzi, è intervenuta il notaio Maria Benedetta Pancera.
Commenti (0)
Non ci sono commenti

Inserisci commento: