PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
Stefania Limiti

“Complici”, alla Biffi Arte il libro choc sul caso Moro

02/03/18

EVENTO GRATUITO
: Biffi Arte Biffi Arte, Via Chiapponi, Piacenza, PC, Italia - Inizio ore 18

Attenzione l'evento è già trascorso

Alla Biffi Arte di Piacenza, venerdì 2 marzo alle 18 sarà presentato “Complici” (Chiarelettere), libro choc sul caso Moro di Stefania Limiti (ospite in Galleria) e Sandro Provvisionato.

A quarant’anni dal ritrovamento del corpo del leader democristiano Aldo Moro senza vita Stefania Limiti e Sandro Provvisionato hanno provato a disinnescare le incongruenze e i fuochi fatui dei cinquantacinque giorni più lunghi della storia italiana.

Il volume “Complici – Il patto segreto tra Dc e Br” (Chiarelettere) arriva sulle ali di uno scoop “a scoppio posticipato”, perché uno dei protagonisti di quegli anni ampliamente citato nel libro, il Generale Nicolò Bozzo, braccio destro di Carlo Alberto Dalla Chiesa all’epoca dei fatti con il grado di colonnello, quando il libro era definitivamente chiuso e pronto per la stampa ha ricontattato gli autori per rilasciare loro dichiarazione clamorosa: “Io e Dalla Chiesa conoscevamo il covo Br di Via Montalcini tre mesi prima del sequestro. Lo comunicammo ai vertici dell’Arma ma ci fecero il vuoto attorno”. Dalla Chiesa infatti, stando a quanto è scritto nel volume, si era limitato a fornire lumi e ricostruzioni su fatti noti e contenuti nei documenti dell’epoca, ma questa rivelazione fu un jolly inaspettato.

Di questo avvenimento ci sono lati oscuri, sui quali gli autori hanno cercato di fare luce, bruciando i dubbi, scartabellando documenti, incrociando i dati. La conclusione è che i conti non tornano in questo come in altri episodi del sequestro: la gestione del sequestrato, il luogo stesso dove Moro è stato detenuto e poi ucciso non può essere solo quello del covo di via Montalcini, fino alla lunga lotta per il possesso della “Carte di Moro”.

Le ricostruzioni che sono state mostrate nel tempo dalle diverse Commissioni, ma il puzzle rimontato lascia fuori alcuni pezzi, oppure le tessere non combaciano esattamente. Il libro è sopratutto un esempio rigoroso di come si conduce un’inchiesta giornalistica. Gli autori cuciono insieme le trame di documenti eterogenei sparsi, rifuggono sempre alla tentazione di accettare una versione dei fatti servita in tavola. Un po’ di luce è stata fatta, peccato che Sandro Provvisionato sia venuto a mancare alcuni mesi fa.

Stefania Limiti è nata a Roma ed è laureata in Scienze politiche. Giornalista professionista, ha collaborato con varie testate, in particolare con il settimanale «Gente», su temi di attualità e di politica internazionale. Inoltre ha lavorato per «l’Espresso», «Left», «La Rinascita della Sinistra» e «Aprile». Segue con molta attenzione la questione palestinese e ha scritto “I fantasmi di Sharon” (Sinnos 2002), nel quale ricostruisce la strage nei campi profughi di Sabra e Shatila e le responsabilità libanesi e israeliane, e “Mi hanno rapito a Roma” (Edizioni L’Unità 2006) sulla vicenda del sequestro da parte del Mossad di Mordechai Vanunu, che mise l’Italia sotto i riflettori del mondo intero nel 1986. Inoltre ha realizzato un’inchiesta sul dossier di Bob Kennedy, sull’assassinio del presidente degli Stati Uniti dal titolo “Il complotto. La controinchiesta segreta dei Kennedy sull’omicidio di Jfk” (Nutrimenti, 2012). Con Chiarelettere ha pubblicato “L’Anello della Repubblica” (2009) e “La strategia dell’inganno. 1992-93. Le bombe, i tentati golpe, la guerra psicologica in Italia” (2017).

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!