Quantcast
Ragazzo Negro

Ragazzo Nero

08/11 » 09/11/19

EVENTO A PAGAMENTO
: Teatro Trieste 34 - Teatro Trieste Trentaquattro, Via Trieste, Piacenza, PC, Italia - Inizio ore 21
  • Tel. 347 5412223 - 329 8521350

Attenzione l'evento è già trascorso

RAGAZZO NERO, 
di e con Pino L’Abbadessa


8 – 9 novembre ore 21 – Teatro Trieste Trentaquattro

“Ragazzo negro ” è l’autobiografia simbolica di Richard Wright, scrittore afro americano nativo del Mississippi. In una sorta di romanzo di formazione, definito dallo stesso autore ” un resoconto di adolescenza e infanzia “, Wright narra della sua vita dai 4 ai 19 anni circa.

Nel libro Richard racconta in prima persona le sue esperienze nel Sud degli Stati Uniti, dove l’odio razziale divide i bianchi dai neri; da bambino sapeva semplicemente che vi era gente chiamata bianca, ma poi scopre la miseria e la violenza della segregazione razziale, e l’effetto devastante che il pregiudizio razziale può avere sulla formazione di un ragazzo di colore.

Nell’arco di un periodo storico che va dal 1912 al 1927 si racconta il difficile rapporto con il padre, la malattia della madre, la scuola, la fame, e la ricerca di piccoli e grandi lavori. Filo conduttore della storia lo spostamento da un posto all’altro, da una città all’altra, fino al viaggio dell’utopia e della speranza che dal Sud lo porterà al Nord.

Ragazzo Nero, piuttosto che Negro, come vuole l’uso delle traduzioni italiane, è un ritratto d’artista che l’attore-regista Pino L’Abbadessa propone autonomamente in una sua versione teatrale, attraverso un monologo che vede Richard ai giorni nostri ricordare e ricostruire fatti, immagini e persone della sua vita.
In scena un eroe solitario che ricerca nel racconto di se stesso, modi e strategie necessarie a reagire ai limiti e alle costrizioni imposte dalla società. Assistiamo così alla lenta maturazione d’un giovane solo ed arrabbiato, avido di conoscere ed affamato di libri. E la salvezza verrà proprio dai libri, che, seppur proibiti ai negri, diventeranno la vera grande passione di Richard.

In un monologo tra l’interiore e l’azione reale, il teatro diventa ancora una volta testimonianza di vita ed occasione di trasformazione sociale. “Non lasciavo il Sud per dimenticare il Sud, ma per poter un giorno o l’altro comprenderlo “

Per prenotazioni 347 5412223 – 329 8521350

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!