PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
Cammino di Santiago

Ultima proiezione di Passo Passo, “Sei vie per Santiago”

19/04/18

EVENTO GRATUITO
: Cinema Capitol Cinema Capitol, Via G. Gabrielli, Fiorenzuola d'Arda, PC, Italia - Inizio ore 21.00

Attenzione l'evento è già trascorso

Terminano gli appuntamenti organizzati da “Passo Passo”: un lungo percorso che ha voluto promuovere il benessere fisico e spirituale attraverso proiezioni di testimonianze, tavole rotonde e convegni. Temi trattati: i vantaggi che ne derivano dall’incamminarsi nel verde abbandonando il caos delle città, favorire l’alimentazione e ciò che ci riserva la natura all’utilizzo di farmaci, la consapevolezza di sé stessi che è possibile trovare percorrendo il cammino di Santiago o la Via Francigena.

L’ultimo evento riguarda la proiezione di “Sei vie per Santiago” di Lydia B. Smith (USA, 2015). Serata promossa in collaborazione con “Fiorenzuola in movimento”. Introduce: Sami Tawfik (Project Manager Associazione Europea Vie Francigene). Intervengono: Fausto Ferrari (camminatore), Giuseppe “Leo” Leonelli (autore del libro Santiago).

Santiago è il romanzo di un viaggio straordinario sul “cammino di Santiago”, fra coincidenze e amicizie, paesaggi suggestivi e incontri inaspettati. Propone una riflessione sulla solitudine, sulle relazioni umane, sul senso della famiglia esplorato nei dettagli più profondi. Porta alla scoperta del significato di essere un “pellegrino”, con o senza fede. Santiago racconta un pellegrinaggio a passo d’uomo attraverso i temi dell’amore, della tolleranza, del rapporto con la natura e della comprensione del diverso, che necessariamente richiede il superamento dello scoglio delle abitudini e dei pregiudizi più radicati.

Ricco di indicazioni utili su tappe, ostelli, bar, ristoranti e luoghi di interesse per aspiranti pellegrini, Santiago racconta la storia di un uomo, artista in declino, abbandonato dalla compagna e afflitto dalla morte di Tiago, un fratello più che un cane, che lungo gli ottocento chilometri del cammino ritrova la forza e la volontà di rimettersi in gioco. Tanti sono gli incontri significativi, ma sono soprattutto l’amicizia con un uomo e il sentimento nei confronti di una donna a condurre l’uomo a un nuovo inizio. Il “Cammino di Santiago de Compostela”, assieme alla Via Francigena, è uno dei più importanti cammini di “peregrinazione”. Compierlo non è impresa facile, eppure sono secoli che le genti di ogni dove lo percorrono e, negli ultimi anni, sono oltre duecentomila le persone che, ogni anno, lo intraprendono. Molti partono con una domanda nel cuore, perché percorrere oltre ottocento chilometri immersi nella natura e segnati dalla fatica sul percorso degli antichi pellegrini rende il confronto con se stessi inevitabile e, spesso, illuminante.

Il film è il risultato del montaggio di oltre trecento ore di girato; il paesaggio, naturalmente, ha il suo spazio, ma è più il contesto che non il fine del documentario. Anche la pittoresca burocrazia dei timbri, il cibo e le messe, finiscono nelle riprese, ma è sulle persone incontrate lungo il cammino, sul loro vissuto, che si concentra la regista. Chi volesse ripercorrere con ben altro spirito lo stesso cammino potrebbe andarsi a rivedere “La via lattea” (1969) di Luis Bunuel, dove, a condurre i pellegrini lungo il cammino, è lo sguardo beffardo del grande regista spagnolo.

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!