Chiudi X
PiacenzaSera - Notizie, Cronaca, Sport, Politica di Piacenza
03 luglio 2017
Rotary Informa: passaggio di consegne al Rotary Valtidone
03 luglio 2017
Logo Rotary
Lorenza Dordoni
Passaggio di consegne

Gruppo Piacentino

(distretto 2050)

 

IL BLOG

 

  • Piacenza

  • Fiorenzuola d'Arda

  • Piacenza Farnese

  • Valtidone

  • Valli Nure e Trebbia

  • S.Antonino

- Cortemaggiore Pallavicino

Rotaract Piacenza
Rotaract Fiorenzuola


Rotary Valtidone: Passaggio presidenziale Torretta – Leva

Venerdì 23 Giugno il Rotary Club Valtidone ha tenuto la cerimonia del “passaggio del martello” fra il Presidente uscente Gian Piero Torretta ed il subentrante Abele Leva.  

La serata si è aperta con una sorpresa dedicata alla Socia Lorenza Dordoni, prossimo Governatore del Distretto 2050, che il Club ha voluto omaggiare con la messa a dimora, nella splendida cornice del giardino del Ristorante la Palta, sede del Valtidone, di una pianta di Ginkgo Biloba, rispondendo così anche alla sollecitazione del Presidente Internazionale Riseley, affinché tutti i rotariani contribuiscano ad aumentare la sensibilità verso i temi ambientali.  

Il Presidente Torretta ha poi ricordato i numerosi e significativi risultati conseguiti dal sodalizio valtidonese sotto la sua guida. Di seguito il discorso tenuto da Gian Piero Torretta.

Cari amici,
anche quest’anno Rotariano è giunto al termine e sono orgoglioso di poter dire che è stato un grande anno, sia perché abbiamo compiuto 20 anni di attività sia, e soprattutto, perché è stata un’attività intensa, impegnativa e a volte anche faticosa ma che ci colma di soddisfazione per essere riusciti a fare qualcosa di molto positivo e di beneficio non solo per il nostro amato territorio ma anche in campo Internazionale.

Non è facile fare un bilancio dei 20 anni ma certamente per chi li ha vissuti tutti come il sottoscritto e gli amici Vittorio e Gianfranco, hanno lasciato un segno indelebile nelle nostre personalità e, credo valga per tutti, devo anche dire che il Rotary accresce in modo quasi smisurato la nostra propensione alla disponibilità verso gli altri e all’etica anche nel mondo degli affari.

Abbiamo operato in direzione di tutte le vie d’Azione previste dal Rotary Internazionale ed anche delle “Focus Area” previste dal ns. Distretto, ci siamo attenuti ai dettami del nostro regolamento senza eccessive deviazioni, se non addirittura nessuna, e come in tutte le buone famiglie abbiamo avuto le ns. brave e belle discussioni, ma con accortezza e buon senso le abbiamo superate e ne siamo usciti indenni, insomma credo sia stato un anno positivo come anche dimostrato dai numerosi service portati a termine e le iniziative intraprese.

Voglio qui ricordare in ordine sparso i maggiori service dell’anno :
- Invio di oltre 500 kg. di abbigliamento usato in un campo profughi in Ucraina, raccolto da soci e amici.

- Concerto del 2 Giugno dell’orchestra Flauti della Scala, in memoria dell’amico Giorgio Milani, per un contributo a favore dell’ Associazione Amici dell’Hospice per l’acquisto di un elettrocardiografo e per l’aiuto all’Associazione “Il filo di...” che opera presso la Casa di Cura Gardenia Melograno di Borgonovo VT. Un grazie particolare a Carla Spotti e Luciano Tamborlani e Fausto Frontini per la preparazione e organizzazione.

- Sempre in collaborazione con l’Ass. “Il filo di...” e grazie ancora a Carla e Luciano, abbiamo proposto 10 rappresentazioni di artisti di strada, il Teatro Viaggiante della famiglia Mirabella (2 genitori e 3 figli), per rallegrare le giornate degli ospiti della Casa di Cura Gardenia Melograno. Con il contributo del Concerto del 2 Giugno abbiamo inoltre finanziato una visita al Parco Zoologico Le Cornelle di ca. 40 anziani e disabili ospiti della stessa.

- “A me gli occhi Ragazzi”. Questo è il fiore all’occhiello dei service Rotariani, sono state effettuate ca. 20 visite mediche specialistiche oculistiche, a cura del ns. socio Dr. Alessandro Lamedica, completamente gratuite a ragazze/i diversamente abili dell’Istituto Comprensivo di Castel S. Giovanni.

- Amico Campus a Salice Terme. Grazie ai fondi raccolti durante l’effettuazione delle Asta Magnum e Asta Vini abbiamo inviato n. 3 giovani diversamente abili + accompagnatori alla vacanza estiva organizzata per il Distretto Rotary dall’Associazione Onlus “Amico Campus”. In questa occasione il ns. incoming Abele Leva e la socia Katia Gentili hanno offerto la loro opera volontaria di assistenza per l’intera settimana, mentre Alessandro Lamedica si è nuovamente prestato ad effettuare visite oculistiche gratuite per tutti gli ospiti di Amico Campus. (ben oltre 50 visite ininterrotte da mattina a sera). Nel corso della settimana 16 dei ns. soci hanno anche partecipato alla Conviviale espressamente organizzata insieme a tutti gli ospiti della vacanza.

- L’invio in Etiopia di medicinali oftalmologici, del valore di oltre 1500 €, raccolti anche in questo caso dal ns. socio Dr. Alessandro Lamedica, ed inviati alla Missione delle suore dell’ordine delle Figlie di Maria di Piacenza.

- Grazie alla raccolta fondi mediante la vendita di prodotti di cioccolato e dolciari di Cioccolandia e della Fiera dell’Angelo, abbiamo distribuito nei periodi Natalizio e Pasquale, oltre 200 borse di prodotti alimentari alle famiglie indigenti della Val Tidone e Val Luretta, per un valore complessivo di oltre € 2.500. Un grazie particolare per la preziosa collaborazione e disponibilità di Alessandro, Patrizia e Valentina Stragliati nonché Abele e Katia Leva ed infine Katia Gentili, unitamente a numerosi soci del Club per la confezione e distribuzione dei pacchi.

- Assegnate n. 3 Borse di Studio, sempre grazie a Carla e Luciano, intitolate a Roberta Tamborlani, a 3 studenti meritevoli del Conservatorio Nicolini di Piacenza.

- Contribuito alla raccolta fondi pro-terremotati, unitamente al Gruppo Piacentino e al Distretto 2050 con una cifra globale pari. € 3.300,00.

- Con il ricavato globale del Gruppo, ca. € 10.000,00 si forniranno strutture didattiche di supporto all’Istituto Alberghiero di Amatrice e all’Istituto Comprensivo di Camerino

- Concorso di disegno “Disegnare la musica” riservato alle classi IV e V delle Scuole Ele mentari di Borgonovo VT, con assegnazione sia di premi individuali sia per le Classi e con la distribuzione a tutti i partecipanti delle 6 classi del volumetto “Le mie sane abitudini”, piccolo manua le per la cura igienico- sanitaria dei giovani.

- Assegnate n. 9 Borse di Studio ad altrettanti studenti dell’ultimo anno dell’Istituto professionale Don Orione di Borgonovo VT.

- Collaborato alla distribuzione del libretto intitolato “DONNA”, manuale tecnico sulla salute della donna, rivolto particolarmente alle maturande dell’Istituto Volta di Castel S. Giovanni e Borgonovo oltre alle ragazze dell’Istituto Don Orione di Borgonovo.

- “Tutti insieme per un amico in più”. Un service per un pomeriggio all’insegna dell’amicizia, di giochi, musica e divertimento agli amici del Club dei Piccoli Rio Torto, Associazione oltre l’Autismo, centro Educativo Socio occupazionale “L’Isola che non c’è di Castel S. Giovanni ed il centro Socio Educativo CSE (ex Anfass) di Stradella.

- Infine sono state poste la basi, grazie alla ns. Maria Paola Tagliaferri e Carla Spotti, per lo studio di un service destinato alla promozione per la prevenzione di malattie come la Toxoplasmosi e Citomegalovirus, è presto per parlarne ma qualcosa è già stato fatto.

Credo che quanto sopra descritto sia ampiamente dimostrativo di quanto lavoro è stato svolto durante l’anno, ma è solo la continuità degli scorsi anni e soprattutto deve essere l’eredità ai prossimi Presidenti, così come ci viene anche chiesto dal Rotary International.  Chiudo con un mio personale grazie a tutti soci del Club ed alle loro mogli/mariti per la collaborazione e supporto che mi hanno personalmente fornito anche nei momenti più difficili.  

In più vorrei che tutti i soci del Club si alzassero in piedi per ricevere l’applauso di noi tutti per il risultato conseguito. Grazie!!!

Vorrei infine chiamare ora uno ad uno i membri del mio Consiglio Direttivo per un piccolo personale omaggio a ricordo di questo meraviglioso anno passato insieme.  Termino questa mia lunga esposizione, ma d’altra parte i Service fatti sono stati molti e tutti avvincenti, con una premiazione doverosa, la consegna delle Paul Harris ai soci: Carlo Guerrini - Felice Renzi - Vittorio Zacconi, che si aggiungono a quella già consegnata un mese fa ad Alessandro Lamedica.  

Nella convinzione di aver dimenticato qualcosa o qualcuno, ho finito, tra poco la parte conclusiva della serata con il Passaggio delle Consegne al mio successore Abele, a cui auguro di cuore un ottimo anno Rotariano".


Il Presidente entrante Abele Leva si è infine presentato ai Soci con il seguente discorso: “Signore, perdona loro, i soci, perché non sanno quello che fanno ed eleggono me! Esordio in sintonia con il mio vivere il Rotary in maniera seria, possibilmente mai seriosa. In verità, un vano tentativo di celare la mia agitazione. Avverto tutto il peso della responsabilità che mi avete affidato. Mi trovo a fare da anello di congiunzione fra Gian Piero e Mirco, due rotariani che stimo e dei quali ho imparato, nel corso di questi anni, ad apprezzare le doti di equilibrio".

"A te caro Gian Piero, e credo di poter interpretare i sentimenti di tutti i Soci, va la nostra gratitudine per i risultati che ci hai portato a conseguire e la mia personale riconoscenza per aver abbondantemente profuso saggezza e pazienza durante tutto il tuo anno di Presidenza, qualità che credo tu abbia dovuto usare soprattutto con chi sta parlando!"

"Semplificando ritengo mio compito minimo non fare danni e per un uomo con le mie asperità caratteriali, scarsa diplomazia unita ad una rigidità di fondo poco incline ai compromessi, alle sfumature, non sarà facile. Avrò bisogno del vostro aiuto e, in caso di pericolo, chiamate pure Katia! La mia amata compagna di vita mi sopporta da 22 anni e, per suo tramite, desidero idealmente abbracciare tutte voi Signore, spesso presenti attivamente nella vita del Club; senza dimenticare i mariti delle nostre Socie".

"Chi sta nel Rotary senza servire, non serve al Rotary. E’ una affermazione a cui credo profondamente, ma la cui traduzione pratica nella vita di un Club potrebbe facilmente produrre tensioni e conflitti. Il Presidente del Rotary non è un generale, a cui dovete obbedienza in forza di una catena gerarchica predefinita, tantomeno un Amministratore Delegato da cui dipende la vostra carriera".

"Conosco solo due modi per farmi seguire, il primo è l’esempio. Fra pochi giorni compirò 50 anni, traguardo che solitamente si festeggia con gli amici più intimi ed i parenti più stretti. Conoscete la mia inappetenza e, soprattutto, la mia sobrietà friulana coi liquidi e non avrete quindi difficoltà ad immaginare cosa succederà o meglio cosa sarebbe potuto accadere".

"D’accordo con la mia famiglia, che ringrazio per aver assecondato il mio desiderio, ho deciso di festeggiare con voi, con la mia famiglia rotariana e di devolvere la cifra prevista per la festa ai nostri Service. Comunque non temete, non verrò mai meno ai miei doveri al terzo tempo! Il secondo è cercare di farvi comprendere appieno la mia passione per il Rotary, la molla che mi spinge ad impegnarmi nelle nostre attività".

"www.globa lrichlist.com: è’ un sito dove potete divertirvi ad inserire il vostro reddito netto annuo oppure il valore del vostro patrimonio. Non conosco il vostro, ma vi posso dire con ragionevole certezza che tutti noi, nessuno escluso in questa stanza, rientriamo nel 5% più ricco della popolazione mondiale!"

"Lo dico per farci sentire in colpa? Assolutamente no. Ovunque posi il mio sguardo vedo splendidi professionisti, che si sono impegnati per anni sui testi universitari, superando brillantemente esami di stato, abilitazioni professionali o che si sono dedicati con passione ai loro sogni imprenditoriali o con rettitudine alla gestione di patrimoni altrui. Ovunque posi il mio sguardo vedo merito e bisogna essere orgogliosi dei traguardi raggiunti con onestà".

"Ma c’è un però! Anni fa Aldo, mio suocero, uomo dotato di enorme senso pratico, mentre chiacchieravamo amabilmente mi fissò con un sorriso sornione e puntandomi il dito mi disse: “Abele, ricordati, nella vita ci vuole un gran culo!” E sapete il mio, il nostro fattore C quando si è manifestato? Alla nascita; siamo nati italiani, nella parte “giusta” del Mondo".

"E mi sono chiesto se invece che Abele fossi nato Abdel, magari ora sarebbero 40 anni che mi spacco la schiena a produrre mattoni in una sperduta fabbrica di una remota provincia afghana, per l’equivalente di 1 dollaro al giorno! E se invece che Abele fossi nato Abdul, strappato, all’età di mio figlio Diego, alla mia famiglia nel Sud Sudan, nutrito di droghe e di odio e mandato al fronte con un Kalashnikov come unico compagno di giochi. O peggio, sarei potuto nascere donna e all’età di mia figlia Andrea, subire la barbarie dell’infibulazione, negandomi per sempre il diritto al piacere".

"Quando d’inverno fuori è buio, freddo, magari c’è la nebbia, sono stanco per una giornata faticosa in ufficio o mi sento in difetto con la mia Famiglia a cui sottraggo tempo ed avrei voglia di altro che non di venire al Caminetto del giovedì, penso ad Abdel e ad Abdul e mi dico che forse quella stessa sera qualcuno di noi potrà trovare lo spunto, l’idea giusta per rendergli la vita meno pesante, l’esistenza meno tragica. E so che il Rotary ci darà gli strumenti per poter realizzare questo sogno".

"E’ già accaduto, qui nel nostro Distretto: Sergio Mulitsch di Palmenberg, mio conterraneo. Se dopo quasi quarant’anni di impegno continuo del Rotary solo tre Paesi al Mondo sono ancora polio-endemici ed oltre 2,5 miliardi di bambini sono stati vaccinati lo dobbiamo all’intuizione di quest’uomo. E mi piace immaginarlo mentre ride pensando che la sera in cui ne parlò per la prima volta al suo Club voleva rimanere a casa a guardare la partita, ma forse era interista!"

"Da solo posso poco, insieme, tutti insieme, possiamo dare vita al motto del nostro Presidente Internazionale: MAKING A DIFFERENCE. Trovo sia splendido, quasi quanto la cravatta! Ian Riseley, che altri pronunciano raisli, mentre Mirco, trattandosi di noi del Valtidone, mi suggerisce un più consono Riesling, non ci chiede “Fate la Differenza”-“Make the Difference”, ma Fate Una Differenza".

"Non possiamo certo salvare il Mondo, ma se riusciremo a fare una differenza nella vita anche solo di una persona avremo dato un senso al nostro anno rotariano".

"A condividere con me la responsabilità dell’indirizzo del Club ho chiamato: Pierluigi Fiocchi, Valter Gazzola, Mirco Valla, Roberto Gazzola, Giovanni Schiaffonati, Maria Paola Tagliaferri, Gian Piero Torretta, Vice Presidente, Segretario, Tesoriere, Prefetto, Bis-Prefetto, Presidente Commissione di Club RF Presidente Commissione Effettivo. Consiglieri: Carla Spotti; Gianfranco Frontori; Alessandro Lamedica; Felice Renzi; Giovanni Torselli; Vittorio Zacconi".

"A Roberta Fiorani, nostra graditissima ultima nata nella Famiglia Valtidone, desidero sottolineare che il Consiglio Direttivo è aperto alle sollecitazioni ed alle proposte di tutti i Soci. Non è l’anzianità rotariana che conta, ma la disponibilità e l’entusiasmo nel servire. I Soci di più antica affiliazione hanno semplicemente più doveri, primo dei quali guidare i tuoi primi passi nel vasto mondo del Rotary ed i nostri Padri Fondatori, Alessandro, Gian Piero, Gianfranco e Vittorio sapranno essere guida sicura, qualora ne sentissi il bisogno".

"Come vostro Presidente ho il dovere di programmare il nostro futuro, ma in chiusura consentitemi di volgere il nostro pensiero alle nostre radici, ai nostri cari che non camminano più al nostro fianco, ma che continuiamo a sentire presenti nelle nostre vite. Grazie Gigi, grazie Flora".

"Ringrazio infine per la presenza alla serata i Presidenti e Rappresentanti degli altri Club del Gruppo Piacentino, con i quali si è lavorato con grande comunione d’intenti e splendidi risultati:
 
RC Piacenza                          Leonardo Bragalini e Signora
RC Farnese                            Donatella Pigozzi
RC Fiorenzuola                      Agostino Terlizzi e Signora
RC Valli Nure e Trebbia          Paolo Ghilardi
RC Cortemaggiore                 Luigi Mori
Rotaract Piacenza                  Andrea Gambazza
Rotaract Fiorenzuola              Cecilia Camorali       
Assistente al Governatore      Stefano Pavesi e Signora                
Innerwheel                              Laura Fiocchi

Commenti (0)
Non ci sono commenti

Inserisci commento: