Chiudi X
PiacenzaSera - Notizie, Cronaca, Sport, Politica di Piacenza
07 novembre 2017
Cambio di stagione: come prevenire i disturbi più comuni
07 novembre 2017
Disturbi di stagione
Tra settembre e novembre il nostro organismo deve affrontare sbalzi di temperatura che negli ultimi anni si sono fatti sempre più repentini; le giornate si accorciano con conseguenze sulle abitudini e sull'umore e i disturbi tipici della stagione fredda sono in agguato. Influenza, dermatiti, depressioni passeggere: vediamo come prevenire ed affrontare i malesseri più comuni della stagione fredda.

L'influenza: un virus che si rinnova ogni anno.

E' il male tipico di stagione fredda, pochi ne sono immuni: l'influenza ha origine virale e suoi sintomi interessano soprattutto le vie respiratorie.  Si trasmette con grande facilità attraverso gocce di saliva veicolate per la maggior parte da starnuti e colpi di tosse, ma anche attraverso il contatto con le mani che possiamo facilmente infettare soffiandoci il naso o tossendo. Per prevenirla può essere utile adottare piccoli semplici accorgimenti come coprirsi il naso e la bocca quando si tossisce e si starnutisce e lavarsi spesso le mani. 
Per le categorie a rischio di complicanze è consigliato il vaccino antinfluenzale che va rinnovato ogni anno perché ha una copertura di sei/otto mesi e i virus responsabili dell'infezione non sono gli stessi da un anno all'altro. 

Gli effetti della stagione fredda sulla nostra pelle.

Con l'arrivo del freddo anche la nostra pelle subisce uno stress notevole e l'insorgere di dermatiti ne è la più comune conseguenza. La pelle, in inverno, è meno nutrita per effetto della vasocostrizione dovuta al freddo; inoltre deve fare a meno degli effetti positivi dell'esposizione al sole. Tende così a seccarsi perché il film protettivo di grasso che la mantiene idratata si esaurisce esponendola a arrossamenti, desquamazione e dolorosissime ragadi sui polpastrelli. 

Se si soffre già di dermatite atopica o di psoriasi non è raro, in questo periodo, vedere inasprirsi i sintomi, fino a dover far ricorso a prodotti specifici per dermatiti, come quelli prodotti da Lichtena.  Per prevenire le dermatiti o il loro riacutizzarsi può essere utile evitare detergenti schiumosi, spesso i più aggressivi, asciugare bene le mani dopo averle lavate; inoltre è importante non stressare la pelle con temperature troppo alte negli ambienti chiusi, proteggerla dagli sbalzi di temperatura e utilizzare unguenti autoidratanti che aiutano a ricostituire il film protettivo. 

Il cambio di stagione e l'umore: disturbi del sonno, ansia, depressione.

Con l'inverno alle porte, non è raro, incorrere in sbalzi d’umore in maniera del tutto immotivata. Inoltre stanchezza eccessiva, sonnolenza o, al contrario, difficoltà a dormire, malessere generale, ansia e depressione sono gli effetti più comuni del cambio di stagione sul nostro umore. Sono sintomi che, così come sono venuti, tendono a scomparire con l'avvicendarsi dei mesi, ma non bisogna per forza soccombervi. 

Adottare uno stile di vita sano, con particolare attenzione a un'alimentazione ricca di frutta secca, banane, verdure a foglia larga e magari un po' di cioccolato fondente può già aiutare. 
Se è il caso si possono integrare sali minerali come potassio e magnesio ed è sempre bene prestare attenzione a non alterare il ciclo del sonno.
Commenti (0)
Non ci sono commenti

Inserisci commento: