PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Medio Oriente e Isis: Scaglione chiude da Biffi “L’Arte di scrivere”

Già vicedirettore di “Famiglia Cristiana”, dopo Afghanistan e Iraq si è concentrato sul Medio Oriente che ha conosciuto e raccontato con continuità negli ultimi quindici anni

Ultimo appuntamento con L’Arte di scrivere” venerdì prossimo 16 giugno alle 18 alla galleria Biffi Arte.

Ospite dell’incontro il giornalista e scrittore Fulvio Scaglione, che dal 2000 al 2016 è stato vicedirettore del settimanale “Famiglia Cristiana”. Specializzato nel settore Esteri, dopo Afghanistan e Iraq, si è concentrato sul Medio Oriente che ha conosciuto e raccontato con continuità negli ultimi quindici anni.

Collabora con testate come “Avvenire”, “Limes”, “L’Eco di Bergamo”, “Micromega”, “EastWest” e “Lo Straniero” e siti come “Occhi della guerra” e “Eastonline”. Tra i suoi libri ricordiamo “Bye bye Baghdad” (2003), “La Russia è tornata” (2005) e “I cristiani e il Medio Oriente” (2008).

Venerdì Scaglione presenterà il suo ultimo libro “Come abbiamo consegnato il Medio Oriente al fondamentalismo e all’Isis” (Rizzoli).

“Sono ormai venticinque anni – spiega Scaglione – che i Paesi occidentali vivono il dramma del terrorismo islamico, ma nonostante guerre, alleanze sancite e instaurazione di regimi “amici”, la situazione resta incandescente. Ma è davvero impossibile fermare gli islamisti? E per quale motivo i popoli del Medio Oriente ci appaiono irriducibilmente ostili, anche quando ci presentiamo con le migliori intenzioni?”

IL LIBRO Nella prima inchiesta che ha il coraggio di affrontare a fondo le responsabilità dell’Occidente, Fulvio Scaglione – che ha vissuto da inviato tutti i conflitti che hanno generato l’attuale crisi mediorientale, dalla Cecenia all’Afghanistan fino all’Iraq – racconta i clamorosi errori di valutazione, gli affari non sempre limpidi, le alleanze sbagliate o tradite e mette a nudo ciò che potevamo fare e che invece non abbiamo fatto contro il terrorismo islamico.

Dalle fratture ereditate dalle politiche coloniali ai danni causati con la rovinosa “guerra al terrore”, dalla visione superficiale e sbagliata sull’Isis e la sua organizzazione all’unione tossica di politica e interessi che ha determinato le strategie in Medio Oriente, Scaglione passa in rassegna la lunga lista di disastri in cui ci siamo impantanati.

E mette in discussione le basi su cui abbiamo fondato le nostre scelte, a partire dall’illusione di poter “esportare la democrazia” e imporre in ambiente islamico usi e costumi occidentali: perché, al di là della propaganda e della retorica, “i tentativi di travasare i riti della nostra democrazia parlamentare hanno sempre prodotto dei mostri politici”.

Un’indagine lucida e coraggiosa che mostra come, e perché, l’Occidente ha lasciato che accadesse il peggio, un’inchiesta senza sconti che pone tutti noi davanti alla domanda più scomoda: vogliamo davvero eliminare l’Isis?

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.