PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rinasce a Piacenza l’Istituto di Bioetica, giovedì si parla del “dottor Google”

Partono a Piacenza, il 18 ottobre, i “Giovedì della Bioetica”. Sono stati presentati lunedì 15 ottobre nella Fondazione di Piacenza e Vigevano da Giorgio Macellari, presidente della Sezione Emilia Romagna dell’Istituto Italiano di Bioetica (SERIIB) e da Fabio Fornari, in rappresentanza della Fondazione, che sostiene il progetto.

Il primo appuntamento sarà giovedì 18 ottobre, alle ore 21, nel salone d’onore di Palazzo Rota Pisaroni e sarà dedicato al tema “Dalla medicina della persona al dottor Google in corsia L’umanesimo scientifico nell’era della tecnoscienza”.

La conferenza, coordinata da Gaetano Rizzuto, già direttore del quotidiano Libertà, sarà introdotta da Massimo Toscani, presidente della Fondazione, co-partner dell’iniziativa.

Tre gli interventi. Il primo di Rosagemma Ciliberti, dell’Istituto Italiano di Bioetica di Genova che, portando il saluto della presidente dell’Istituto, Luisella Battaglia, svilupperà il tema “Spazio, tempo e comunicazione in medicina per un’etica della cura”.

Giorgio Macellari, chirurgo senologo e dottore in Filosofia, parlerà della “medicina della persona”. Fabio Fornari, gastroenterologo e saggista, invece, affronterà la grande questione del “dottor Google in corsia”.

Nella conferenza stampa il presidente Giorgio Macellari ha illustrato gli obiettivi della SERIIB che riprende, dopo qualche anno, l’attività a Piacenza con una nuova organizzazione e tanti nuovi soci (medici, insegnanti, avvocati, giornalisti, sacerdoti, educatori…).

“I Giovedì della Bioetica” – ha spiegato Macellari – intendono “promuovere un dibattito culturale nel contesto piacentino intorno a temi di rilevanza bioetica (ricerca bio-medica, biotecnologie, intelligenza artificiale, biodiritti, neuroetica, ecologia umana e animale, filosofia della scienza…), con una declinazione scientifico-umanistica e una prospettiva multiculturale”.

Temi che ruotano intorno all’ultima “grande rivoluzione etica che ha visto la transizione da una medicina della distanza tecnocratica a una medicina della vicinanza empatico-relazionale”.

Fabio Fornari, parlando anche a nome della Fondazione, ha ricordato che “Mentre nel 2013 solo il 3% degli italiani utilizzava Internet per domande e risposte ad ansie e dubbi connessi a problemi di salute, nel 2013 tale percentuale è salita al 50% e oggi interessa l’88% delle persone (il 93% donne)”.

Inoltre “Digitando su Google, l’utente ritrova risposte precise, ma il più delle volte non ha gli strumenti per decodificarle; e le ritiene affidabili solo per averle trovate lì, senza necessità di altre verifiche”. Il paradosso è che quando gli scienziati smentiscono una convinzione falsa, rischiano di rinforzarla nell’opinione comune.

“Il rimedio – conclude Fornari – sta nella costruzione di una nuova alleanza medico-paziente e in un uso corretto del Dottor Google rivolgendosi a siti e informazioni scientificamente corrette”.

La SERIIB e la Fondazione organizzeranno Conferenze annuali di taglio divulgativo, monotematiche, svolte da relatori di profilo nazionale o internazionale, inserite in un ciclo di 5-6 eventi pomeridiani.

Il primo evento in calendario nel 2019 per “I Giovedì della Bioetica” si terrà giovedì 21 marzo alle 17.30 e ospiterà il prof. Telmo Pievani, filosofo delle scienze biologiche nell’Università di Padova, con la relazione “Riscrivere il DNA. La rivoluzione in corso nell’ingegneria genetica”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.