Loggione biancorosso: fulmine di Corradi e la rincorsa ai sogni riparte

LOGGIONE BIANCOROSSO (di Giovanni Pecoli e Carlo Politi)

FULMINE DI CORRADI E LA RINCORSA AI SOGNI RIPARTE

loggione biancorosso

VISTA DALL’ALTO

Della Juve baby battuta all’ andata in quel del “Moccagatta”, confrontandola con quella di sabato al Garilli opposta al Piace, vi erano nette diversità: la squadra ospite, dotata di un Masciangelo in più (vecchia conoscenza calorosamente salutato dal nostro tifo) e di un Mokulu (già esperto – pur giovane – avendo masticato la cadetteria ad Avellino e Cremona), è scesa in campo molto più esperta, seppur un po’ troppo fallosa e incline al “tuffo”.

La ragnatela bianconera dei baby sembra ingabbiare la manovra biancorossa, di certo non ancora bella ma sensibilmente più grintosa anche se leggermente imprecisa…Lanci lunghi e tante indecisioni in una squadra comunque lodevole per l’impegno che mette, come a confermare i progressi visti nella sfortunata gara persa contro l’Entella a Chiavari.

Fallisce qualche incursione Terrani, pochi gli appoggi alla punta Ferrari (l’assenza di Nicco e Sestu si sente eccome), ma il Piace c’è e ci prova comunque.

La piccola Juve scalda gli animi per alcune decisioni di guardalinee e dell’ arbitro di…Molfetta (non il nostro attaccante, inspiegabilmente in panca poi per carità: un motivo ci sarà!); a parte una serie rocambolesca di rimpalli sotto porta in mezzo ad una nutrita schiera di maglie sembra una partita addormentata tra Piace e Juve Under 23, lontana dai Piace-Juve giocate in A anni fa.

Ma El Loco verso la chiusura del tempo gela la difesa piemontese: è l’1-0, si va al riposo avanti e col sorriso. Ripresa con il solito Piace da croce e delizia, ma comunque volitivo. Porcari detta i tempi in modo superlativo, ma davanti facciamo fatica a pungere, a volte troppo. Ecco che la baby Juve di Zironelli si fa avanti in una rara sortita offensiva e fa bingo: pareggia Kastanos, quindi tutto da rifare.

Poi, proprio parlando di croce e delizia, ecco Corradi. Spesso inconcludente, ma pur sempre un asso importante nello scacchiere biancorosso. Dopo due tiri inguardabili ecco un siluro, un missile terra aria che buca la porta juventina. 2-1 a 10′ scarsi della conclusione. Riprendono i sogni o quanto meno la corsa verso essi, i biancorossi ora a quota 49…52 virtuali e poi effettivi per un derby che mai è esistito.

IN&OUT

IN: ci permettiamo stavolta di indicare un singolo giocatore, nonostante la bella prestazione messa in campo da tutta la squadra, compreso il mister: vogliamo dare una medaglia simbolica a Porcari, il numero 17 ha fornito una super prestazione fatta di intelligenza tattica e una abnegazione senza pari per servire la squadra e di questo tutto il Piace ne ha beneficiato. Bravo davvero.

OUT: Ci dicono che qualcuno in tribuna ancora mugugna e storce il naso. Si sa, è sempre stato così. A noi tutto questo pessimismo non piace, soprattutto adesso che il Piace si sta preparando per il rush finale. Urge al più presto una caramella per addolcire chi oggi non è ancora contento.

ACCADDE OGGI: Il 2 Marzo 1986 il Piacenza di Titta Rota, con giocatori importanti come Serioli, Tomasoni, Comba e DeGradi, superava 2-1 la Sanremese in casa grazie ad una autorete ligure e un bel gol di Vanni Moscon.

Era un Piacenza dalla stampa specializzata indicato come il favorito per la promozione in serie B assieme al Parma e tutto lasciava presagire a che fosse effettivamente così…ma all’ultimo un guizzo del Modena (e un arbitraggio indecoroso contro i canarini) fece si che a festeggiare la promozione furono le due squadre gialloblu.

Finale avverso, ma si posero prepotentemente le basi per la promozione dei record nell’anno successivo.

Alla prossima, cuori biancorossi.

#cipiaceilpiace

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Filo_PC

    Tra gli OUT aggiungerei il campo. L’allenatore della Juve U23 effettivamente ha ragione, pessimo. Ma c’è da dire che ha danneggiato entrambe le squadre, anzi forse direi più noi che abbiamo fatto la partita