Quantcast

Segnalare disservizi e degrado, nuovo sito per il servizio del Comune

Più informazioni su

In questi giorni, gli utenti iscritti al servizio comunale “SegnalaQui” – che consente ai cittadini di Piacenza di notificare con tempestività e immediatezza situazioni di criticità sul territorio – stanno ricevendo dal gestore del sistema alcune informazioni tecniche importanti sull’aggiornamento della piattaforma.

“Grazie alla grafica rinnovata – fanno sapere dal Comune -, che consente un utilizzo ottimale del sito Internet anche da smartphone e tablet, nonché al consolidamento degli aspetti inerenti alla sicurezza informatica, non sarà più necessario scaricare l’apposita app FedroSuite, ma si potrà accedere direttamente al sito https://piacenza.fedrosuite.com/ con qualsiasi dispositivo. Chi avesse già installato l’applicazione, non più disponibile sugli store Apple e Android, potrà continuare ad usarla sino al 30 marzo prossimo, avvalendosi in seguito delle stesse funzionalità sul portale web. Tutti i dettagli e le istruzioni a riguardo sono consultabili anche a questo indirizzo: www.comune.piacenza.it/segnalaqui.

“Per i fruitori di questo servizio, che abbiamo avviato in via sperimentale qualche settimana fa e che prosegue senza alcuna interruzione – sottolinea il vice sindaco e assessore alla Smart City Elena Baio – non cambierà nulla, se non in meglio. Non dovendo effettuare download non si ingombra la memoria del proprio telefono, si garantiscono ulteriori tutele per gli utenti in termini di privacy e protezione da virus telematici, favorendo inoltre una maggiore accessibilità e la stessa qualità di visualizzazione, indipendentemente dal sistema operativo o dallo strumento di cui ci si avvale”.

SegnalaQui, operativo dal 20 gennaio, ad oggi permette ai cittadini di Piacenza di porre l’attenzione su disservizi relativi alla segnaletica stradale e ai semafori, a situazioni di degrado dovute a rifiuti, mancata pulizia delle strade o deiezioni canine, alla presenza di animali infestanti, all’abbandono di veicoli, alla manutenzione dei cimiteri, a guasti su fontanelle e fontane, stato dei bagni pubblici e furti o anomalie dei defibrillatori presenti in vari punti del territorio urbano.

“Gli ambiti di segnalazione disponibili – commenta a questo proposito Elena Baio – sono in continuo aggiornamento e verranno ampliati nei prossimi mesi. L’Amministrazione comunale crede fortemente nell’utilità e nell’efficacia di questo sistema, che intendiamo promuovere sempre di più e con convinzione. Del resto, stando ai primi riscontri, il servizio è stato molto apprezzato dai cittadini, e di questo ne daremo conto sotto il profilo statistico quanto prima, dopo un sufficiente periodo di sperimentazione. Spiace che qualcuno, come ha fatto il consigliere Rabuffi con un mal riuscito tentativo di ironizzare sugli aggiornamenti informatici in corso, prenda a pretesto le novità per far credere che il servizio non sia più disponibile. Lo rassicuro volentieri del contrario: da oggi in avanti, usare SegnalaQui e comunicare direttamente con gli uffici sarà ancora più facile”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.