Legambiente “Allarme ozono in Emilia Romagna”. Dati oltre il limite anche a Piacenza

Più informazioni su

Dopo aver visto un’importante riduzione della concentrazione degli ossidi di azoto durante il periodo di lockdown, con la ripresa delle consuete attività ed in particolare degli spostamenti con mezzi privati, ecco ripresentarsi un problema di inquinamento dell’aria tipicamente estivo: quello legato alle concentrazioni di ozono, una molecola che si crea a partire da altri tipi di inquinanti, in particolare gli NOx e favorito anche dalle condizioni meteorologiche che ne innalzano i valori in atmosfera.

“Dunque – afferma Legambiente Emilia Romagna -, proprio mentre le Regioni del nord comunicano l’intenzione di fare slittare il bando degli Euro4 previsto ad ottobre, in Emilia-Romagna sono già 15 le stazioni di monitoraggio dell’ozono, in 7 province, che hanno superato il limite normativo annuale dei 25 giorni di superamento consentiti sul valore obiettivo di 120 µg/m3 sulla media mobile delle 8 ore. I dati riguardano anche le centraline di Piacenza e provincia. Nei giorni scorsi sono stati inoltre registrati in Emilia-Romagna superamenti delle soglie di informazione (limite di 180 µg/m3 nella media oraria): le concentrazioni di ozono hanno raggiunto i picchi di 198 µg/m3 a Verucchio (PR) il 31 luglio 2020″.

dati Ozono

“La particolarità – prosegue l’associazione – è che elevate concentrazioni di questa molecola, si possono rilevare anche molto lontano dai punti di emissione dei precursori (principalmente gli ossidi di azoto), poiché questo tipo di inquinamento si diffonde con facilità a grande distanza, perciò anche in luoghi comunemente ritenuti immuni da inquinamento, come ad esempio le aree verdi urbane ed extraurbane e in montagna. Tra i principali imputati le combustioni dovute ai motori a scoppio e il nostro stile di spostamenti ancora troppo incentrato sull’utilizzo dell’auto”.

Per contenere il problema dell’inquinamento dell’aria anche in estate – sottolineano – è fondamentale non abbassare la guardia sulle politiche per ridurre il traffico su gomma, sulle emissioni industriali e sugli stili di vita. Serve dunque una politica forte di promozione della mobilità alternativa per persone e merci e per la riconversione dei mezzi verso alimentazioni elettriche» – sottolinea Legambiente. Preoccupante dunque la notizia data dalle Regioni padane di venir meno ad alcuni dei provvedimenti previsti ad ottobre – a causa dell’emergenza coronavirus – senza nessuna alternativa sul piatto”.

“Sono invece tante – concludono – le azioni che le amministrazioni potrebbero mettere in campo, a costi contenuti: ridurre le velocità di percorrenza in autostrada, applicare misure a favore della mobilità sostenibile, aumentare massicciamente corsie preferenziali, piste ciclabili e zone trenta, favorire il passaggio all’elettrico delle flotte pubbliche e delle aziende partecipate.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.