PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Anas fa marcia indietro sulla Ss 45: “Venerdì nuova ordinanza con divieti ridotti”

Una nuova ordinanza “molto più articolata” da parte di Anas per la Statale 45 che entrerà in vigore venerdì 8 febbraio, con la revisione dei divieti di circolazione ai mezzi pesanti.

Riduzione del tratto interdetto ai camion (attualmente è da La Verza e Ponte Lenzino) e autorizzazioni flessibili lungo la strada sulla base dei lavori previsti. Dovrebbero essere questi i contenuti del nuovo provvedimento, anche se nel dettaglio non sono ancora disponibili e verranno resi noti da Anas venerdì.

E’ l’esito del tavolo tecnico che si è riunito in Prefettura a Piacenza nel pomeriggio del 6 febbraio, dopo le proteste che si erano levate dagli amministratori locali della Val Trebbia e della Provincia per i limiti drastici imposti da una prima ordinanza di Anas in vigore dal 30 gennaio scorso, giustificata con la necessità di compiere lavori di manutenzione straordinaria.

Al tavolo in Prefettura erano presenti i tecnici di Anas, quelli della Provincia e quelli delle Unioni dei Comuni della Val Trebbia. Il prefetto Maurizio Falco ha sottolineato che sono state ascoltate le esigenze dei comuni e anche quelle delle imprese della vallata che sarebbero state danneggiate. “Abbiamo attuato una politica della riduzione del danno – ha specificato – con alcune misure di natura autorizzatoria che saranno adottate nel tratto più a valle della Statale 45”.

“Se la prima ordinanza è stata tacciata di essere di carattere troppo generico e sproporzionata, da parte di Anas c’è stata la volontà di recepire le osservazioni del territorio per ridurre al massimo del disagio. I tecnici sono venuti con i rilievi sui punti più critici dove dovranno partire i cantieri e confermato la necessità di intervenire immediatamente coi lavori per la sicurezza dell’arteria stradale”.

“Siamo arrivati durante il tavolo tecnico ad avere una riduzione del tratto interessato dai divieti – ha aggiunto il comandante della Polstrada di Piacenza Angelo Di Legge – e il resto regolandolo attraverso un sistema autorizzatorio, ovvero ponendo dei limiti che possono essere superati previa autorizzazione dell’ente proprietario”.

Un primo incontro tra il direttore del dipartimento Emilia Romagna di Anas Mario Liberatore e gli amministratori locali si era tenuto lunedì scorso. In quella sede era stata avanzata la richiesta di togliere l’interdizione ai mezzi pesanti sopra le 44 tonnellate e di regolare con sensi unici alternati il traffico pesante in prossimità dei cantieri che partiranno nelle prossime settimane, entrambe tra San Salvatore e Bobbio.

Il divieto di transito lungo la Statale 45 per i mezzi pesanti era stato disposto con un’ordinanza del 30 gennaio scorso, giustificata da Anas con l’esigenza di eseguire lavori di manutenzione straordinaria: interdetti i camion da 44 tonnellate per il tratto La Verza-Ponte Lenzino, mentre per i mezzi da 20 tonnellate riguardava il tratto Bobbio-Ponte Lenzino.

La consigliera comunale Gloria Zanardi: “Soddisfazione per la decisione di Anas”

Manifesto la mia soddisfazione per il dietrofront di Anas sull’ordinanza che limitava la circolazione dei mezzi pesanti sulla Statale 45, a seguito del summit in Prefettura. Tutto è bene quel che finisce bene, tuttavia occorre rivedere il metodo. Creare disagi alla valle e scompiglio tra gli amministratori e cittadini del territorio, che hanno già abbastanza difficoltà da superare quotidianamente, poteva essere evitato con un incontro preliminare tra tutti gli enti coinvolti. Mi auguro che in futuro si adotti un modus operandi differente, con maggiore attenzione e tutela per coloro su cui ricadono gli effetti concreti di provvedimenti adottati nelle stanze degli uffici.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.