Quantcast

Appennino Festival, San Rocco con i Bandabrisca e il duo Guglielmetti-Dametti foto

Propone un San Rocco tutto all’insegna della danza popolare l’Appennino Festival. Fuori programma il 17 a Bobbio con il concerto dedicato a San Colombano degli Enerbia

È un programma da non perdere quello che l’Appennino Festival, rassegna di valorizzazione dei repertori popolari delle Quattro Province e non solo, offre nella giornata di San Rocco in alcuni dei luoghi e dei borghi più deliziosi e a volte impervi del nostro Appennino: venerdì 16 agosto infatti al parco provinciale di Morfasso alle 15 è in programma un pomeriggio di danze popolari tra i faggi con il gruppo dei “Bandabrisca”, che i fan della kermesse ben conoscono e hanno già avuto l’occasione di apprezzare e ascoltare anche nelle precedenti edizioni dell’Appennino Festival. A completare il programma della giornata in cui si celebra San Rocco comunque è anche una serie di eventi che si svolgeranno a Cerreto di Zerba: proprio lì infatti a partire dalle 20 è in programma la cena e poi il momento del ballo grazie alla presenza del fisarmonicista Franco Guglielmetti e del pifferaio Gabriele Dametti, solo per citarne alcuni. In realtà tanti sono i fisarmonicisti e i pifferai attesi alla serata per “sfidarsi” in una sorta di singolar tenzone musicale con l’obiettivo di recuperare le antiche ritualità di festa delle Quattro Province.

Cambio di location per il concerto degli Enerbia in programma sabato 17 agosto alle 21.15 a Bobbio: l’evento si terrà infatti nel chiostro del palazzo vescovile in piazza Duomo e non più in quello di San Colombano. Per l’occasione comunque il gruppo, guidato da Maddalena Scagnelli, proporrà un ricco e affascinante programma fatto di danze e brani antichi, alcuni dei quali tratti proprio dall’Antifonario di Bobbio. L’evento è organizzato con l’obiettivo di valorizzare la figura di San Colombano anche attraverso le visite guidate al refettorio dell’abbazia.

Domenica 18 gli Statele 45 live a Cerignale – Tornando invece agli appuntamenti dell’Appennino Festival, domenica 18 alle 16 è in programma un nuovo appuntamento con gli “Statale 45”: il gruppo è composto dal Bernardo Beisso (basso, chitarra, musa e voce), Franco Guglielmetti (fisarmonica), Gabriele Dametti (piffero) e propone un’ampia gamma di animazione musicale nelle aie e nei sentieri tipici di Cerignale, oltre a una ricca scelta di danze popolari seguendo l’itinerario ideale tracciato dalla Statale 45.

Per quanto riguarda il gruppo, la ricercatezza e l’amalgama dei suoni, legati alla continua ricerca, rappresentano la carta vincente di questi tre bravi professionisti: il loro repertorio è composto da danze di coppia recenti come valzer, polca, mazurca e danze della cultura tradizionale quali monferrine, alessandrine, gighe; a questo si aggiungono le canzoni popolari delle Quattro Province spontanee, dei cantastorie e dell’osteria. Oltre ad aver pubblicato il cd “…Vola stornello pungolo”, gli “Statale 45” organizzano corsi sulle danze delle Quattro Province da più di diciotto anni, mentre da oltre trenta il gruppo è impegnato in un lavoro di ricerca e divulgazione, di organizzazione di festival e manifestazioni di musica e danze della tradizione come il “Festival dell’Appennino” nel territorio dell’Appennino Piacentino e “Terra e Vino” in provincia di Alessandria e nell’alto Monferrato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.