Quantcast

Le Rubriche di PiacenzaSera - Le Recensioni CJ

La recensione di Pcsera.it: “Croz” di David Crosby

La scelta del titolo si deve a un gioco iniziato tanto tempo fa, nel 1971. Il suo primo album da solista si intitolava infatti “If I could only remember my name” (Se solo potessi ricordare il mio nome), grande disco, e il suo secondo invece, nel 1989, “Yes, I can” (Sì che posso).

Più informazioni su

“Croz” è il suo soprannome storico. La scelta del titolo si deve a un gioco iniziato tanto tempo fa, nel 1971. Il suo primo album da solista si intitolava infatti “If I could only remember my name” (Se solo potessi ricordare il mio nome), grande disco, e il suo secondo invece, nel 1989, “Yes, I can” (Sì che posso). Quindi, il terzo: “Croz”.

Lui, David Crosby, è un grande della musica americana, uno dei maestri della West Coast – prima nei Byrds poi nel celebre trio con Stills & Nash, che arruolarono successivamente Neil Young – degli anni Sessanta e Settanta.

Croz torna inaspettatamente, dopo oltre un ventennio di silenzio. All’età di settantatre, con il coraggio di ieri. Forse per via del nuovo fegato, recentemente trapiantato (una vita di bagordi, il nostro Croz). E non delude le aspettative.

L’iniziale “What’s broken” è una raffinata ballata jazzy costruita attorno la suadente chitarra di Mark Knopfler. Come “Slice of time”, ricorda le atmosfere – recenti – di Iron&Wine e Deastroyer. Le successive “Time I have” e “Holding not to nothing” (con la tromba di Wynton Marsalis) hanno un tono più intimista e crepuscolare, così pure “Morning falling”. Stesso mood per “If she called”, anzi più drammatica: scritta osservando, dalla finestra di un albergo tedesco, alcune prostitute allineate ai bordi di una strada.

L’elettrica “The clearing”, con una bella coda di chitarre, la radiofonica (!) “Radio” – con un delizioso ritornello pop – e “Dangerous night” hanno un eco decisamente Seventies, ma del lotto nostalgico il brano che più piace è “Set the baggage down”, psichedelica e amara. Un pezzo che molte delle bands della cosiddetta scena neopsichedelica gli invidieranno non poco. Bentornato, Croz.


Giovanni Battista Menzani
Twitter: @GiovanniMenzani

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.