Quantcast

Giornata del ringraziamento, petizione per pizza patrimonio dell’Unesco

Non poteva esserci occasione migliore della Giornata Provinciale del Ringraziamento, che avrà luogo domenica 30 a Podenzano

Più informazioni su

GIORNATA PROVINCIALE DEL RINGRAZIAMENTO ARRIVA LA FIRMA PER IL MADE IN ITALY
PETIZIONE PER PIZZA PATRIMONIO DELL’UNESCO

Non poteva esserci occasione migliore della Giornata Provinciale del Ringraziamento, che avrà luogo domenica 30 a Podenzano, per promuovere la petizione al fine di riconoscere la pizza come patrimonio dell’Unesco. L’iniziativa, che qui a Piacenza ha già riscosso parecchi consensi durante le raccolte firme organizzate nel corso delle Giornate Zonali del Ringraziamento, si inserisce nella campagna promossa da Coldiretti insieme alla Fondazione Univerde e all’Associazione Pizzaiuoli Napoletani e contribuirà a garantire l’origine italiana degli ingredienti e della qualità igienico sanitaria nella preparazione.

“Si tratta, afferma Luigi Bisi, presidente Coldiretti Piacenza, di un impulso al riconoscimento dell’arte della pizza come patrimonio culturale e materiale dell’umanità da parte dell’Unesco. La pizza infatti non è soltanto la specialità tradizionale di una regione o di una città, ma è anche il simbolo per eccellenza della ricchezza gastronomica che tutti i comuni italiani offrono; esempio di tale ricchezza è proprio Podenzano, con la storica produzione di pomodoro, elemento fondante la migliore tradizione mediterranea ed ingrediente essenziale del famoso piatto unico.”

“Dal 4 febbraio 2010, prosegue Bisi, la pizza è stata ufficialmente riconosciuta dall’Unione Europea come Specialità tradizionale garantita, ed ora vogliamo un riconoscimento internazionale di fronte al moltiplicarsi di atti di pirateria alimentare e di appropriazione indebita dell’identità. Un’opportunità per fare chiarezza anche in Italia dove quasi due pizze su tre, il 63 per cento, sono ottenute da un mix di farina, pomodoro, mozzarelle e olio provenienti da migliaia di chilometri di distanza senza alcuna indicazione per i consumatori.”

481 milioni di chili di olio di oliva e sansa, oltre 80 milioni di chili di cagliate per mozzarelle, 105 milioni di chili di concentrato di pomodoro dei quali 58 milioni dagli Usa e 29 milioni dalla Cina e 3,6 miliardi di chili di grano tenero con una tendenza all’aumento del 20 per cento nei primi due mesi del 2014: questo il fiume di materia prima importato dal nostro paese nel 2013 e che ha purtroppo compromesso notevolmente l’originalità tricolore del prodotto servito nelle 50mila pizzerie presenti in Italia.

“Firmando per la pizza, conclude il presidente, firmiamo per la tutela del Made in Italy. La Giornata del Ringraziamento dunque, diventerà un’occasione, anche per i consumatori, per fermarsi e rendersi conto di poter contare su tradizioni e prodotti che veicolano valori di casa e di convivialità. Valori che dobbiamo difendere dai quei furti peggiori che non si limitano alla privazione economica ma violano al contempo l’identità e la storia del nostro paese.”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.