PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Processo per il carabiniere aggredito, il Comune si costituisce parte civile

Il Comune di Piacenza si costituisce parte civile nel processo contro i tre manifestanti accusati di aver picchiato un brigadiere capo dei carabinieri, durante il corteo contro l’apertura di CasaPound il 10 febbraio scorso.

La decisione è stata approvata all’unanimità dall’esecutivo comunale su proposta del vicesindaco Elena Baio.

Il sindaco Patrizia Barbieri ricorda che è stata data attuazione a una scelta già indicata subito dopo l’episodio di violenza del corteo.

Ricordiamo che la Procura di Piacenza ha chiesto il giudizio immediato per i tre imputati – il 29enne torinese Giorgio Battagliola, il 22enne modenese Lorenzo Canti e Moustafa Elshennawi, egiziano di 23 anni – accusati di resistenza e violenza a pubblico ufficiale e lesioni personali aggravate.

I tre furono arrestati su ordinanza di custodia cautelare dopo le indagini lampo di carabinieri e polizia, coordinati dal pm Roberto Fontana. Sono accusati di aver fatto cadere a terra, picchiato con lo scudo e con calci e pugni il brigadiere capo Luca Belvedere del V Battaglione Bologna, durante i disordini in centro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.