Quantcast

Le Rubriche di PiacenzaSera - UniCatt

L’educazione estetica nei minori, incontro e confronto in Cattolica

“L’esperienza della bellezza. Educazione estetica e formazione dei minori”. Sarà un confronto a più voci, al quale parteciperanno filosofi e pedagogisti, oltre ad essere l’occasione per salutare l’esordio di C.A.R.E, il Centro studi contesti, affetti e relazioni educative, diretto dal professore Daniele Bruzzone, della facoltà di Scienze della Formazione dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, l’incontro in programma il 30 novembre dalle 14 alle 16 nella sala Convegni Piana dell’ateneo piacentino.

Durante l’appuntamento, sarà affrontato il tema del valore dell’esperienza e dell’educazione estetica nella formazione dei minori, con particolare riferimento alle arti figurative e all’educazione dello sguardo. Il coinvolgimento dei sensi è infatti un requisito indispensabile perché si dia un’esperienza sensata ed efficace, capace di coinvolgere i registri affettivi e mobilitare il desiderio, contrastando la noia, l’apatia e l’insensatezza. L’evento si svolge nell’ambito del Corso di laurea magistrale in “Progettazione pedagogica nei servizi per i minori” ed è coordinato dal docente Roberto Diodato; sono previsti gli interventi di Marco Dallari, Roberto Farné, Mariagrazia Portera, Laura Aimo.

Ma le riflessioni degli esperti non esauriranno la giornata dedicata al tema, dal momento che al termine del seminario è prevista l’inaugurazione della mostra di pittura di Claudio Benghi, autore dei dipinti che compaiono sulle copertine dei volumi pubblicati nella collana “Vita emotiva e formazione” (edizione Franco Angeli), diretta da Vanna Iori, Daniele Bruzzone ed Elisabetta Musi. L’esposizione sarà visitabile fino al 18 dicembre. Non sarà, quella pittorica, l’unica inaugurazione legata all’evento dedicato a come si fa esperienza della bellezza, in quanto nell’occasione farà il suo ingresso ufficiale anche il centro studi C.A.R.E.

«Il nome del centro richiama quella “cultura della cura” di cui ha parlato a inizio anno Papa Francesco» spiega il direttore Bruzzone. «C.A.R.E. è il primo centro aperto dalla facoltà nella sede di Piacenza – prosegue –: la nostra ambizione è di diventare il punto di riferimento per il territorio riguardo ai temi della ricerca educativa, sociale e sociosanitaria, sui temi della cura, dello sviluppo delle competenze dei professionisti e del sistema di welfare». Tra gli obiettivi del centro di studi figurano lo sviluppo delle competenze emotive e relazionali dell’infanzia e dell’adolescenza – «ma anche le competenze emotive dei professionisti che devono formare i minori» aggiunge Bruzzone – nonché la prevenzione e il contrasto delle povertà educative, il sostegno ai diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, la promozione del benessere individuale e sociale e la cura della comunità educante.

Il centro studi C.A.R.E. si avvale di un consiglio direttivo composto dai membri che rappresentano le varie aree della facoltà, dalla filosofica alla pedagogia alla psicologia, fra i quali è presente anche la senatrice Vanna Iori. Consiglio direttivo: Daniele Bruzzone (direttore), Piermarco Aroldi, Roberto Diodato, Vanna Iori, Marisa Musaio, Elisabetta Musi, Sonia Ranieri, Pierpaolo Triani. Collaboratori: Antonella Arioli, Alessandra Augelli, Fabio Gianotti, Alessandra Tibollo, Simona Finetti, Mattia Ferrari, Stefania Mazza, Anna Paratici.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.